Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as "Facebook Pixel [noscript]" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Pensavi che l’acciaio fosse eterno. E invece no. Come l’amore, anche l’acciaio è eterno finché dura.

La corrosione dell’acciaio la devi prevenire. E se non l’hai prevista, la devi affrontare e risanare come si deve. Confutiamo subito un luogo comune: non esiste acciaio che sia inossidabile. Esistono diversi tipi di acciaio, con diverse composizioni chimiche, che determinano la sua capacità di resistere agli agenti corrosivi.

Vediamo assieme quali sono le cause che portano alla corrosione dell’acciaio e le soluzioni che puoi adottare per proteggerlo sin da subito.

Corrosione: cause ed effetti

Sono molte le variabili che incidono sull’avvio del processo di corrosione dell’acciaio. Sbalzi di temperatura, tipo di lega del materiale, contatto con liquidi, presenza di cloruri: sono solo alcuni dei tanti fattori in gioco.

Quando il metallo non è protetto, va facilmente incontro a fenomeni di corrosione.

La corrosione dei metalli può essere di due tipi:

  • Corrosione a umido
  • Corrosione a secco

La corrosione a umido avviene in presenza di liquidi che fungono da conduttori. Per esempio, attraverso l’acqua l’acciaio può entrare in contatto con un altro metallo meno reattivo. Accade quindi una reazione, causata dalla differenza di potenziale tra i due metalli, che genera una corrosione elettrochimica, che tende a ossidare l’acciaio.

La corrosione a secco è l’ossidazione. In questo caso la causa è un gas presente nell’atmosfera, come l’ossigeno. Il metallo tende a ritornare alla sua forma più stabile in natura – quella ossidata –, combinandosi con l’ossigeno o con altri gas.

Dunque, la corrosione si sviluppa sull’acciaio in diversi modi. Il metallo può subire un’azione chimica diretta, può andare incontro a fenomeni elettrochimici, o può essere indebolito da sforzi meccanici. Vediamo subito come può manifestarsi, attaccare il tuo acciaio, e come prevenirla.

Tipi di corrosione:

  • Corrosione Uniforme
    È un tipo di corrosione molto comune, che va a intaccare tutta la superficie del metallo. Può essere causata da agenti atmosferici (umidità, presenza di elementi inquinanti, cloruri), dalla conducibilità, dal PH del terreno e dell’acqua con cui il metallo entra in contatto.
  • Vaiolatura (o Pitting)
    Si tratta di una corrosione tipica dell’acciaio inossidabile. A differenza del ferro, in cui la ruggine tende a espandersi sulla superficie, la vaiolatura presenta spesso piccoli buchi che lo indeboliscono.
  • Corrosione Interstiziale
    La corrosione interstiziale avviene in zone particolarmente delicate sulla superficie del metallo. Questo tipo di corrosione si può formare facilmente in chiodi, bulloni, guarnizioni e piccoli interstizi che possono dar luogo a ristagni.
  • Corrosione Intergranulare
    La corrosione intergranulare si forma se l’acciaio è stato sottoposto a particolari temperature per un determinato periodo di tempo. In specifiche condizioni la percentuale di cromo presente nel metallo scende al di sotto del 12%, e non è più garantita la sua inossidabilità. Processi errati di saldatura e trattamenti termici sbagliati possono generare questa corrosione. Perciò viene anche chiamata ‘corrosione da saldatura’.
  • Corrosione Galvanica
    La corrosione galvanica avviene quando sono uniti due metalli di natura o struttura interna diversa, in un ambiente umido. Tutti i metalli hanno un potenziale elettrico e, in base all’ambiente e alla loro composizione chimica, possono dare o ricevere elettroni. Quindi, se messi a diretto contatto, il metallo più catodico si corrode. Per evitare questa problematica occorre separare i diversi metalli della struttura utilizzando isolanti come la gomma.
  • Corrosione – sotto sforzo –
    Anche una particolare sollecitazione può provocare l’innesco di fenomeni di corrosione nell’acciaio. Se la superficie del metallo è soggetta a grandi tensioni e sforzi, occorre: impiegare un tipo di materiale idoneo, pensare all’eventuale utilizzo di inibitori e adottare delle adeguate misure di prevenzione.

Come proteggere l’acciaio dalla corrosione

Proteggere l’acciaio, eliminare o quanto meno ritardare il problema della corrosione è possibile. Grazie all’applicazione di specifici trattamenti e di barriere isolanti puoi proteggere l’acciaio mettendolo al riparo dagli agenti corrosivi.

Applicare un trattamento sulla superficie dell’acciaio serve a mantenere inalterate le sue caratteristiche originali, allungando la sua vita e la durata della struttura a cui dà forma.

I sistemi che proteggono l’acciaio dalla corrosione possono essere distinti in 2 categorie:

  • Protezione Passiva alla corrosione acciaio – Un trattamento protettivo “protegge” il metallo dagli agenti corrosivi, creando una barriera. Una sottile pellicola che isola il materiale impedendone il contatto con l’esterno. I materiali più utilizzati a questo scopo sono vernici, resine, smalti e rivestimenti metallici come la zincatura.
  • Protezione Attiva alla corrosione acciaio – Sono trattamenti che trasferiscono al materiale delle caratteristiche chimico-fisiche proprie, che li proteggono naturalmente dalla corrosione. Una soluzione, spesso applicata, è la protezione catodica: portando elettroni attraverso una tensione elettrica, il metallo può facilmente combattere il processo ossidativo. È il sistema che viene usato per proteggere gli scafi delle barche dall’azione dell’acqua marina.

Un materiale che ha in sé una particolare resistenza alla corrosione è il corten. Ne abbiamo già parlato in questo articolo: Acciao Corten – caratteristiche e vantaggi.

Corrosione e arrugginimento: affidati a chi conosce l’acciaio

Per trovare la soluzione giusta e applicare il corretto trattamento al tuo acciaio, devi trovare la causa della sua corrosione e analizzare il tipo di danno. Devi perciò rivolgerti a degli esperti del settore.

E se il tuo acciaio gode ancora di ottima salute, devi metterlo al riparo. Devi pensare alla prevenzione da subito: già nella fase progettuale.

Per prevenire i danneggiamenti da corrosione occorre fare un’attenta analisi dell’ambiente circostante e del tipo di lega che compone il materiale. Attraverso una precisa indagine il team di Iteko è in grado di valutare la soluzione più adatta alla tua situazione.

Per ogni progetto analizziamo l’utilizzo finale della struttura in acciaio e l’ambiente a cui è destinata. È in base a questi criteri che scegliamo la lega metallica più idonea e i trattamenti di manutenzione necessari nel tempo.

Contattaci e troveremo assieme la soluzione migliore per te.